29 Febbraio 2024

QUANTO PESA LA CO2 NEI CAMBIAMENTI CLIMATICI?

1

Il più recente documento dell’Ing. Elio Lazzaroni, che studia da molti anni il tema del contributo antropico ai cambiamenti climatici, quello che io chiamo il TEOREMA DELLA CO2, pervenendo sempre alle medesime conclusioni, cioè che questa molecola, che sta alla base dello sviluppo della vita sul pianeta, partendo da quella vegetale, non ha alcuna responsabilità nei cambiamenti in atto, che sono di ordine planetario e si susseguono da milioni di anni.
Che poi tutto l’abnorme consumo di energia determinato dalla presenza di 8 miliardi di umani sul pianeta si trasferisca necessariamente come calore nella bassa atmosfera, è innegabile, scientificamente incontrovertibile, ma che tutto questo calore abbia un impatto significativo sulla temperatura del pianeta è possibile, ma non verificabile, e ad ogni modo non dipende dalla CO2, ma dal calore in se, che non possiamo sperare di abbattere se non riducendo drammaticamente la popolazione planetaria.

1 thought on “QUANTO PESA LA CO2 NEI CAMBIAMENTI CLIMATICI?

  1. Condivido. Ho solo qualche perplessità circa il supposto raffreddamento. I numeri su cui si basano gli studiosi, sia per dire che ci stiamo riscaldando, oppure raffreddando, sono soggetti a margini di incertezza elevati, per cui non attendibili entrambi, secondo me. Che la CO2 abbia un’influenza pari a zero sul clima è un dato scientifico, legato alle sue caratteristiche fisiche e chimiche che non ne fanno un gas speciale.
    L’effetto serra determinato dal vapore acqueo è particolarmente marcato non soltanto per le caratteristiche del vapore in se, ma per il fatto che condensa sotto forma di nubi in strati molto bassi dell’atmosfera, sino al livello del suolo (nebbia) e questa condensazione lo trasforma in una sorta di emulsione di microscopiche goccioline d’acqua, liquida, che non sono già più vapore, perché l’acqua, allo stato di vapore, è trasparente. Quello che chiamiamo abitualmente vapore è il gas condensato in nubi o il gas che trascina pulviscolo d’acqua.
    Il vapore, infatti, è presente nell’aria anche quando non lo vediamo ed i cieli sono blu.
    Franco Puglia
    23 gennaio 2023

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Condividi i contenuti del sito? Diffondilo.