25 Maggio 2024

ECONOMIA DI MERCATO E PENSIERO LIBERALE

Una cosa che sento dire spesso da alcuni è che i nostri problemi globali sono stati determinati dal liberismo, mentre da altri sento dire che i nostri problemi globali derivano dalla sua mancanza.
Una delle due affermazioni è falsa, ma potrebbero esserlo entrambe.

In realtà il mercato mondiale si muove sulla base di logiche che sono di mercato, nel senso che ciascun operatore economico di ciascun paese offre le merci o servizi che sa offrire e qualcuno le compra, dopo averle comparate con l’offerta di altri operatori, ma è altrettanto vero che esistono fenomeni distrosivi vistosi di questa libera concorrenza, determinati dalla concentrazione dei capitali che controllano le attività produttive su scala anche internazionale.

Il mercato, come la vita biologica, porta in se il germe della sua stessa fine : la tendenza al monopolio.
La necessità di rafforzarsi e crescere porta inevitabilmente gli operatori più forti a disfarsi dei più piccoli, costringendoli a chiudere o relegandoli in nicchie di mercato che non disturbino significativamente il “core business”.
Nessun giudizio etico su questo : è naturale che sia così, ma a chi è utile ?
L’idea di mercato del pensiero liberale si basa sulla necessità della concorrenza.
Questa combatte le tendenze monopolistiche, in linea di principio, ma ha armi deboli, e viene spesso e volentieri sconfitta. Chi può aiutare il mercato in questa sua lotta per la affermazione ? La politica.

La politica vorrebbe e dovrebbe essere l’espressione di un supposto BENE COMUNE dei popoli, o almeno di specifiche popolazioni, non essendo immaginabile una sola politica “globale” !
Quindi la politica deve ricondurre le tendenze monopolistiche del mercato entro il canale delle REGOLE, cioè di strumenti che tendano a rendere non conveniente sotto il profilo economico la concentrazione. Niente di più difficile !

Ma non basta : la concorrenza perfetta non si cura del BENE COMUNE !
La concorrenza perfetta mette gli operatori economici gli uni contro gli altri, chiunque essi siano, e vincano i migliori. Pazienza se i migliori sono tutti concentrati in una medesima area geografica, e pazienza se la competititvità si fonda su strumenti non propriamente etici !

Il socialismo se ne frega della concorrenza, anzi, ne diffida. Partendo da un’idea di stampo religioso del bene comune e dalla presunzione di un essere umano sempre perfettibile, orientato a produrre non a suo vantaggio ma a vantaggio della collettività, assume che un sistema economico orientato al bene comune possa prescindere dalla concorrenza. Da qui alla produzione di stato, di sovietica memoria, il passo è breve. Sorvolo sui risultati …

Le società occidentali, soprattutto europee, sono un mix inestricabile di socialismo e di mercato.
In qualche modo va anche bene così, perché abbiamo appena visto che ciascun approccio ha in sè dei punti deboli, e non da poco, ma forse questo mix un poco caotico si dovrebbe razionalizzare, abbandonando tanto le soluzioni collettiviste che quelle turbo liberiste, provando ad immaginare una forma moderna di “economia sociale di mercato”, che stia con i piedi per terra, consapevole di ciò che muove lo “homo economicus” e consapevole anche del fatto che le infinite differenze tra gli uomini vanno rispettate facendo in modo che l’economia non diventi strumento di povertà per tanti e di ricchezza per pochi, cosa che non corrisponde all’interesse globale dell’umanità. 

Ing. Franco Puglia

error

Condividi i contenuti del sito? Diffondilo.