21 Luglio 2024

IL PROGETTO DI SVOLTA EUROPEA

  • Europeizzazione SI : unire i popoli frammentati della Nazione Europea.
    L’Europa di oggi è il risultato di secoli di lotte interne per il potere, nell’epoca del predominio delle case regnanti.
    La frammentazione delle popolazioni europee è storica, e si manifesta attraverso differenze linguistiche e culturali, ma questo è naturale, perché gli esseri umani tendono a frammentarsi in piccoli gruppi, più che ad unirsi in grandi aggregazioni, per il semplice motivo che le grandi aggregazioni tendono ad essere “imperiali”, ad imporre cioè dall’alto il loro volere ai popoli sottostanti, in aperto conflitto col bisogno innato di libertà.
    Esigenze di difesa collettiva hanno spinto tuttavia i popoli ad accettare i Regni, malgrado le limitazioni di libertà.
    Oggi le cose sono diverse, ma non troppo. Il rigetto diffuso nei confronti della U.E nasce dalla percezione di essere soggetti ad un “imperio”, a causa della struttura poco democratica e molto burocratica della U.E. , che legifera su troppi temi mentre non provvede ai compiti essenziali dello ”impero” : la politica estera comune, la difesa dei confini, la forza militare comune.
    Tutto questo significa che NON ci sono alternative : o l’Europa si struttura per fornire alle sue popolazioni ciò di cui hanno bisogno per riconoscere l’utilità di questa aggregazione, quindi una unione politica sovranazionale, neo nazionale, integrando le forze di difesa, la giustizia, la sicurezza, i confini, oltre che la moneta, oppure la U.E. non ha ragion d’essere e le forze contrarie la faranno a pezzi in poco tempo. Brexit è stato il primo passo.
  • Globalizzazione NO quando significa allineamento ai paesi più poveri
    Un altro elemento fondamentale dei nostri tempi è la cosiddetta globalizzazione.
    Risultato di spinte liberiste orientate allo sviluppo del commercio internazionale ed alla crescita economica di tutti i produttori, la globalizzazione ha avuto effetti positivi ma anche negativi che stanno producendo reazioni di chiusura diffuse, confermate anche dalle intenzioni programmatiche dell’ormai ex presidente degli Stati Uniti.
    Il libero mercato internazionale equivale a mettere in contatto diretto tra loro tante provette contenenti liquidi con colori diversi e livelli diversi.
    Per il principio dei vasi comunicanti i livelli nelle varie provette diventeranno uguali ed il colore del liquido diventerà uno solo, indistinto.
    Il paradosso è che questa spinta nasce dal liberismo, ma coincide con principi marxisti, che guardavano all’internazionalizzazione dei mercati mondiali sotto l’egida comunista.
    Il fallimento di questi progetti risiede nella loro stessa teorizzazione astratta, scollegata dalla realtà e dai bisogni della gente. Oggi la provetta cinese ha scaricato il suo liquido in tutte le altre provette, ed anche se i colori delle varie provette non sono ancora indistinti, gli effetti sono sensibili.
    I cinesi sono meno poveri, molti sono ricchi, mentre altrove nel mondo la gente è più povera, ed alcuni sono straricchi.
    Un tale processo può soltanto allineare tutti al paese più grande, per popolazione e capacità di impatto economico globale, cioè la Cina, e significa livellamento economico di tutti verso il basso, non verso l’alto. Questo sistema di scambi va ridimensionato.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Autarchia europea? NOMa neppure mercato delle vacche.
    Commercio paritario.
     Principio di reciprocitàequilibrio negli scambi.
    Respingere la globalizzazione non deve essere inteso come un ritorno al protezionismo e come ostacolo agli scambi internazionali, cosa che sarebbe insensata ed anti storica, se pensiamo che gli scambi internazionali si perdono nella notte dei tempi, con le carovane dei mercanti che si spostavano dall’Europa all’Asia e viceversa. La differenza è che in passato questi scambi arricchivano tutte le parti in campo ed il volume degli scambi non era impattante, mentre oggi i volumi di scambio e la loro intensità creano squilibri economici devastanti.
    Si tratta quindi, molto semplicemente, di regolare il libero scambio limitandone gli eccessi distorsivi. In questo campo non si possono precostituire regole, ma vanno stabilite caso per caso.
    Una cosa di cui occorre tenere conto è che nei paesi avanzati, come Europa ed America, non tutti i produttori operano in settori ad alto valore aggiunto in cui la concorrenza dei paesi emergenti è modesta o inesistente, ma operano anche in segmenti di mercato dove la concorrenza esiste, è molto forte e si basa su condizioni di produzione molto diverse, sotto il profilo del costo del lavoro, dei diritti sul lavoro, del costo della vita locale, ecc, ecc.
    Fermo restando il principio essenziale della necessità della concorrenza e della NON salvaguardia di posizioni protezionistiche, è tuttavia vero che le produzioni nazionali vanno ragionevolmente salvaguardate, anche se si tratta di produzioni a basso valore aggiunto facilmente aggredibili dalla concorrenza internazionale. Il principio di fondo dovrebbe essere l’equilibrio nei volumi di scambio di merci tra paese e paese, equilibrio senza il quale si creano “squilibri” economici e sociali.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Europa come Nazione, distinta da quelle asiatiche, africane, americane.
    Europa dei popoli, che non coincidono con gli Stati del ‘900.
     
    Rigetto dei nazionalismi novecenteschi: Nazionalismo Europeo Continentale.
    Politica estera e difesa : una sola, nazionale, continentale

    Un concetto importante, quanto innovativo, è quello, da introdurre, di NAZIONE europea.
    Oggi se si pensa ad una “nazione” la si identifica con lo stato, e sta bene, ma bisogna chiedersi cosa sia una nazione e perché si sia strutturata come stato. Popolo e nazione non coincidono : molte nazioni europee, e non solo, ospitano popoli diversi, poco diversi o molto diversi.
    I popoli sono una risultanza storica, derivante dagli insediamenti umani storici, determinati geograficamente. Le nazioni sono una risultanza economica, derivante da aggregazioni storiche dei popoli, per esigenze di ordine commerciale, difensivo, in definitiva economico.
    Immaginare oggi le nazioni europee come coincidenti con gli stati europei determinati dalle risultanze della Storia europea appare riduttivo.
    La U.E. Nasce da esigenze di ordine economico tipiche dell’aggregazione nazionale.
    Il percorso europeista è ancora molto arretrato, non essendo ancora stati messi in atto i processi politici fondamentali, quali l’istituzione di una Giustizia europea integrata ed una difesa europea comune, basata su una sola politica estera comune e condivisa.
    Occorre quindi ragionare in chiave di Nazione Europea, in cui le differenze linguistiche e culturali che esistono caratterizzano i popoli, non la Nazione.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Europa Federale, federazione delle sue popolazioni, non delle sue burocrazie. 
    Popolazioni d’Italia, e d’Europa, in una sola Nazione Europea.
    Una sola Europa, un solo confine, verso tutti i punti cardinali.

    La concezione di una Nazione europea sopra descritta, una nazione di popoli diversi, quindi non omogenea linguisticamente e culturalmente, comporta come sola possibile conseguenza la costituzione di un organismo politico federale dei popoli europei, che non coincide con l’attuale Commissione Europea, mentre si avvicina all’attuale Parlamento Europeo.
    La Commissione non è espressione elettiva dei popoli europei, come dovrebbe essere in una struttura federale analoga a quella svizzera o americana, mentre esprime un equilibrio tra i poteri di vertice dei singoli stati. E’ naturale che un tale modello venga contestato da tanti e produca reazioni di rigetto verso la U.E.
    Il modello va cambiato e reso democratico su scala europea, e in fretta.
    L’antieuropeismo è il prodotto di un cattivo europeismo.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Immigrazione, da ovunque provenga, al di fuori di questi confini : NO grazie.
    Ingressi limitati e controllati. Accoglienza ? L’Europa non è un hotel.
    Quello dell’immigrazione è un tema dirompente, distintivo, alla base di tutti i movimenti neo-nazionalisti . Qui si scontrano due visioni del mondo diametralmente opposte:
    a) L’internazionalismo di matrice cristiana ma anche socialista e turboliberista, che guarda al mondo senza fare alcuna distinzione di ordine etnico e culturale, immaginando l’umanità come una indistinta massa di “figli di Dio” oppure di “lavoratori e proletari” oppure di “forze di mercato”.
    b) Il nazionalismo, fondato sulla percezione biologica degli esseri umani di qualsiasi razza e cultura, che esprime un bisogno insopprimibile di identità personale e collettiva, di gruppo, dove ciascuno vuole riconoscersi nel suo vicino di casa, vuole parlare la sua stessa lingua o dialetto, vuole apprezzare gli stessi cibi, vuole condividere la medesima storia, la medesima cultura.
    La coesione sociale è il prodotto della somiglianza non della diversità.
    La concezione nazionalista può apparire arretrata, ma è fondata su bisogni umani biologicamente predeterminati, mentre la prima è una astrazione razionale, dettata non dai bisogni, ma da elaborazioni del pensiero umano, che determinano in astratto ciò che sarebbe giusto e ciò che non lo è. Opporsi razionalmente alla natura umana potrebbe portare a dire che sia meglio vietare i rapporti sessuali in quanto potenzialmente pericolosi per la salute (AIDS ed analoghi) sostituendoli con la fecondazione assistita per la procreazione e con l’autoerotismo virtualizzato per la soddisfazione dei bisogni erotici. La mente sa anche partorire mostri e bisogna saperli individuare.

    Quindi il fenomeno migratorio di massa delle genti provenienti dall’Asia e dall’Africa impone una scelta NETTA tra le due posizioni, che sono inconciliabili. Quella che propone Svolta Europea è la seconda, di stampo nazionalista ma in chiave europea, una posizione che mostra una sua crescente prevalenza nei paesi europei e che venne rafforzata dall’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca, ma che ha subito una battuta di arresto con Baiden, per quanto attiene agli USA.
    In Italia già esiste un partito politico che si è fatto portavoce di questi temi (la LEGA) soltanto che lo ha fatto in chiave anti-europeista, con una concezione economica risibile, una visione politica che offre una prospettiva regressiva e non di progresso. Il progetto leghista, orfano del federalismo, è zoppo e non ha un futuro credibile, ed è stato ridimensionato da Fratelli d’Italia, la cui posizione di maggiore coerenza ha valso a Giorgia Meloni la conquista di Palazzo Chigi.
    Svolta Europea porta la concezione nazionalista a livello europeo, immaginando una Europa dei popoli che non diventi il rifugio dei disperati di ogni continente. Questo nazionalismo europeo ha anche lo scopo di fare massa critica nei confronti dei colossi asiatici ed americani, cosa che ogni singolo stato europeo attuale non potrebbe mai fare da solo.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Politica fiscale: su base federalista; libertà di imposizione e di spesa territoriale; fiscalità unica e condivisa a livello Nazionale continentale
    Una unione di popoli comunque diversi tra loro come quelli europei può essere realizzata soltanto su base federale, in maniera non dissimile da quella svizzera. Questo significa darsi due piani ben distinti di imposizione fiscale e di spesa pubblica : una di carattere territoriale, per quanto possibile determinata sulla base delle esigenze locali di spesa, a cui deve corrispondere una equivalente imposizione fiscale, ed una di carattere sovraterritoriale, sino al livello europeo, con una spesa pubblica limitata all’assolvimento dei compiti federali ed una conseguente imposta federale a carico di tutti i cittadini europei. Qualcuno potrebbe ragionare in chiave di armonizzazione fiscale europea, cioè con una fiscalità identica in tutti i territori, ma questa cosa ha senso in una nazione “imperiale” e non federale. Nella nazione imperiale tutti i sudditi debbono pagare le medesime tasse, ma in quella federale no : ciascuno paga in funzione dei servizi che vuole ricevere, con le differenze anche di efficienza che sono peculiari di ogni realtà amministrativa locale.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Politica economica : DEFICIT NEGATIVO.
    Incassi più di quanto spendi e riduci il DEBITO. Tasse e spesa pubblica in discesa.
    Anche qui si scontrano due grandi correnti di pensiero : quella del “deficit spending”, e quella del pareggio di bilancio, tipicamente di matrice tedesca. A sinistra si pensa che lo sviluppo si possa realizzare con la spesa pubblica a debito, e poi qualcuno restituirà il debito, forse.
    Il PD, che da molti a sinistra viene visto come non più di sinistra, promuove il deficit spending, quindi Svolta Europea promuove il pareggio di bilancio e la riduzione progressiva e costante del debito pubblico.
    Questo non implica che, occasionalmente, non si possa fare del debito pubblico, ma deve trattarsi di procedure eccezionali e non sistematiche. Il mondo intero si è dato un modello di vita basato sul debito pubblico : pochi stati fanno eccezione; i più deboli falliscono ripetutamente, i più forti sopravvivono precariamente, sino a quando uno scossone più forte degli altri non farà precipitare tutto. Noi italiani dobbiamo smetterla di fare debiti ed imparare a vivere su quello che siamo capaci di produrre, in termini di reddito, senza cercare di vivere al di sopra delle nostre possibilità.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Pubblico e privato : pubblici i monopoli di fatto; privato tutto ciò che può essere in concorrenza. L’impresa sia privata, il servizio sia pubblico.
    Queste affermazioni si basano sul pensiero di stampo liberale in economia, il quale afferma che la ricchezza si produce facendo impresa e che l’impresa deve essere libera di operare nell’interesse di chi la costituisce, di chi ci lavora e di chi trae beneficio da quanto produce: i consumatori.
    Significa ridimensionare progressivamente l’intervento della pubblica amministrazione dove questa possa essere sostituita vantaggiosamente dall’impresa privata senza costituire posizioni monopolistiche private e quindi operando in condizioni di autentica concorrenza, nell’interesse del cittadino consumatore. Significa combattere la collusione tra interessi privati d’impresa e pubblica amministrazione, madre di ogni corruzione.
    Significa riportare i cittadini al rispetto del principio di responsabilità individuale, alla consapevolezza di dover contare sopratutto sulle proprie forze e non su quelle di uno Stato assistenziale sempre ed ovunque, mucca da mungere, che dà sempre latte ma a spese di chi produce col sudore della sua fronte. Non significa cancellare l’assistenza pubblica, ma significa limitarla a chi non può farne oggettivamente a meno, indipendentemente dalla sua volontà e dalle sue possibilità.
  • La Politica : nell’interesse dei cittadini, non dei professionisti della politica.
    Significa guardare ad un superamento della separazione dei ruoli nell’occuparsi della POLIS, cioè del bene comune, comunque inteso, immaginando una progressiva maggiore partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica ed una graduale riduzione del peso della politica di mestiere, con posizioni consolidate negli anni, che portano ad orientare l’azione politica verso i propri interessi di sopravvivenza nel ruolo, anzicchè verso quelli dei cittadini.
  • Separazione dei poteri : organizzazione e sviluppo del partito politico, da un lato, candidatura ad incarichi pubblici elettivi, dall’altro. No al doppio ruolo.
    Questo è un elemento CHIAVE del progetto aggregativo di Svolta Europea.
    Significa guardare al partito politico come terreno collettivo del FARE POLITICA, mediante il confronto delle idee, la selezione spontanea dei ruoli organizzativi interni ed elettivi esterni al partito, lo stimolo al movimentismo ed alla partecipazione attiva, impedendo la formazione di gruppi di potere che condizionino la formazione delle posizioni politiche e delle candidature ad incarichi politici pubblici. I partiti di oggi sono espressione del potere personale di pochi, sono leaderistici, più terreno di sviluppo di collusioni di interessi economici privati con la politica che terreno di sviluppo di idee e progetti di interesse collettivo. Separare i ruoli aiuta nella selezione meritocratica dei candidati ad incarichi istituzionali pubblici, togliendo loro ogni potere sul partito ma anche togliendo al partito ogni potere su di loro. Ciascuno deve esprimere il meglio di sé : alcuni possono farlo nei ruoli esterni, altri in quelli interni.
    Questo è un PALETTO non superabile del progetto di Svolta Europea.
  • Partito come specchio del paese : federalista. Associazione di cittadini su base nazionale, e linea politica di fondo immutabile tra un Congresso nazionale e l’altro. Libere associazioni di iscritti su base territoriale e tematica, all’interno della linea politica nazionale. Doppia partecipazione e simboli associati, riconoscibili. Democrazia interna, autentica, diretta e non di facciata.
    Queste poche parole descrivono sinteticamente il futuro partito di Svolta Europea.
    Significano che la “linea politica” del partito viene determinata dai Congressi nazionali e non può cambiare secondo come tira il vento. La linea politica non può determinare lo stravolgimento dei principi di fondo, i “paletti” , perchè significherebbe cambiare la natura stessa del progetto politico a cui hanno dedicato tante energie innumerevoli cittadini.
    Significa che i Congressi possono articolare, esplicitare, ampliare una linea politica largamente condivisa, in cui tuttavia anche le posizioni politiche di minoranza hanno diritto di cittadinanza, di espressione, di rispetto. Il partito è “terreno di sviluppo del fare politica all’interno di principi condivisi” non è una squadra di soldati agli ordini di una dirigenza comunque determinata.
    Inoltre il partito nazionale ha caratteristiche federative : non vuole sostituirsi alle forme aggregative pre-esistenti e con esso compatibili, anzi, vuole portarle ad una sola unità d’intenti nazionale sulla base della condivisione dei principi del progetto federativo, del “patto” di collaborazione nazionale.
    Ciascuno conserva la sua identità storica, faticosamente costruita, ma la associa, se i suoi iscritti lo desiderano, ad una identità federale collettiva. Questo non implica che le singole persone non possano aderire a Svolta Europea anche se la loro associazione d’origine non aderisce come tale.
    Le adesioni a Svolta Europea sono sempre e comunque individuali. Qui si, uno vale uno.
    E questo significa VERA DEMOCRAZIA INTERNA. Significa che tutti gli aderenti al partito politico determinano con pari peso gli incarichi elettivi interni e le candidature ad incarichi istituzionali esterni da presentare nelle occasioni elettorali. Nessuna “nomina” da parte di organi direttivi del partito : scelte autonome ed indipendenti dei singoli aderenti, su base proporzionale.
    Chi riceve più voti va in cima alla lista.
error

Condividi i contenuti del sito? Diffondilo.